SEI IN > VIVERE LAMEZIA TERME > ATTUALITA'
lancio di agenzia

Ryanair, a Lamezia nuovo collegamento con Valencia

3' di lettura
18

REGGIO CALABRIA (ITALPRESS) – Ryanair arriva a Reggio Calabria e aggiunge nuove rotte per gli altri aeroporti calabresi.

La compagnia aerea ha infatti annunciato il lancio di una nuova base a Reggio Calabria con otto destinazioni e due nuove rotte per gli scali di Lamezia e Crotone per l’estate 2024. In particolare, i voli Ryanair collegheranno l’Aeroporto dello Stretto, nella città calabrese, con Barcellona, Berlino, Bologna, Manchester, Marsiglia, Tirana, Torino e Venezia. Al contempo, si sviluppa anche la connettività nella base di Lamezia con una nuova rotta per Valencia e oltre 180 voli settimanali. A Crotone, invece, la compagnia aggiungerà un nuovo collegamento per Torino e oltre 30 voli settimanali. Due sono gli aeromobili basati: uno nuovo a Reggio Calabria e uno a Lamezia. Il rafforzamento della presenza della compagnia in Calabria è stato presentato nel corso di un incontro che si è svolto a Reggio Calabria alla presenza, tra gli altri, del CEO di Ryanair, Eddie Wilson, e del presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto.

Per Wilson questo “è l’inizio”. “La Calabria è una destinazione tutta da scoprire sia in Italia che in Europa e merita più connettività, più turismo tutto l’anno e più posti di lavoro”, ha spiegato. “Ho incontrato per la prima volta il presidente Occhiuto la scorsa estate – ha detto – e abbiamo lavorato insieme per un piano per i tre aeroporti della Calabria”. Secondo il CEO di Ryanair si tratta di un “importante investimento” nella regione con “l’apertura di una nuova base (investimento di 100 milioni di dollari) a Reggio Calabria e 10 nuove rotte per l’estate 2024. Complessivamente – ha spiegato -, Ryanair registrerà una crescita della capacità pari a più del 20% distribuita su tutti e tre gli aeroporti calabresi. Questa importante espansione segna l’inizio di una strategia a lungo termine con il presidente Occhiuto e la Regione per posizionare la Calabria come destinazione leader in Europa e far crescere il turismo in entrata, la connettività e l’occupazione, offrendo al contempo tariffe basse a cittadini e visitatori”.

“La Regione – ha detto il governatore calabrese, Roberto Occhiuto – vuole sostenere tutte le decisioni di investimento da parte di vettori importanti come Ryanair perchè la Calabria può svilupparsi molto dal punto di vista turistico. L’impegno di Ryanair si tradurrà in almeno un milione di passeggeri in più nel 2024 e fino a sei milioni di passeggeri in più negli anni che verranno. Questo impone a noi calabresi di attrezzarci anche con una buona qualità delle strutture alberghiere e dei trasporti”.

Per Occhiuto il rapporto con la compagnia deve “consolidarsi nei prossimi mesi” e l’impegno per Reggio Calabria “deve essere soltanto l’inizio”. Lo scalo reggino, ha detto, deve diventare “strategico per tutta l’area dello Stretto”. Occorre, quindi, “attrarre anche l’utenza della Sicilia”. “Per un’intelligente attività di imprenditori privati – ha continuato il governatore calabrese – i passeggeri della Sicilia orientale potranno imbarcarsi alla stazione di Messina, accedere al traghetto da gate dedicati e in un’ora da Messina raggiungere l’aeroporto di Reggio Calabria”.

L’accordo con la compagnia aerea, ha spiegato Occhiuto, è triennale ma Ryanair “si è innamorata dell’aeroporto di Reggio Calabria e negli anni che verranno potremo avere ulteriori sviluppi”. Inoltre “stiamo studiando – ha aggiunto Occhiuto – la possibilità di farci carico di una parte della tassazione imposta ai passeggeri in Italia, le addizionali comunali. Stiamo tentando di risolvere questo problema come ha fatto il Friuli Venezia Giulia: darebbe un’ulteriore possibilità di sviluppo al settore aeroportuale della Calabria. Nel corso dei prossimi mesi – ha concluso – lavoreremo insieme ai parlamentari calabresi per ottenere questa possibilità dal Parlamento e dal governo nazionale”. – Foto: xa5/Italpress – (ITALPRESS).



Questo è un lancio di agenzia pubblicato il 15-02-2024 alle 16:36 sul giornale del 16 febbraio 2024 - 18 letture






qrcode